[Comune di Cossoine logo] Comune di Cossoine

  • Via Vittorio Emanuele, 14, 07010 Cossoine (SS)

  • info@comune.cossoine.ss.it

  • 079 86 10 50

  • Feed Rss


Le grotte

Nel territorio di Cossoine si conoscono attualmente 25 grotte naturali, (Sa Tumba è sa Pala è s'Ulumu, Su Tumbone è Iscala Accas, Grotta seconda di Iscala Accas, Grotta terza di Iscala Accas, SaUcca è Sa Lande, Sa Ucca è Malupensu, Grotta Tuntana su Colvu, Sa Ucca è Coa è Mazzones, Sa Ucca è Mammuscone, Sa Ucca è Mammuscone Pizzinnos, Sa Ucca è Su Vicariu, Grotta di Suiles, Grotta di su Anzu, Grotta su disterru è Toe, Grotta sa Mazzonera, Grotta sa Ucca è Pelaia, Grotta su Tumbone, Grotta prima di Sarò, Grotta seconda di Sarò, Grotta terza di Sarò, Grotta di Pascialzu, Grotta di sas Monzas, Grotta Mignone, Grotta Sorigalza) la maggior parte delle quali si apre nelle rocce calcaree, mentre alcune sono situate in rocce di natura vulcanica. In ambito provinciale è uno dei comuni col più alto numero di grotte, per cui da questo punto di vista riveste un interesse particolare. Queste grotte sono state esplorate e rilevate dal Gruppo Speleologico Sassarese (GSS).

 

La più importante grotta del territorio è Sa Ucca è su Peltusu, che con i suoi 3180 m di sviluppo costituisce la più grande grotta della provincia di Sassari. Nel suo interno è possibile osservare notevoli fenomeni di erosione carsica, con la presenza di un torrente sotterraneo e un deposito di ostriche fossili mioceniche di grande rilevanza, forse unico in ambito regionale.
La Grotta di Suiles, scoperta di recente in seguito agli scavi per la condotta idrica, si presenta riccamente ornata di concrezioni di notevole bellezza perfettamente intatte, e meriterebbe particolare attenzione per lasua tutela.
Sa Ucca è Mammuscone è la più conosciuta grotta di Cossoine, citata da numerosi autori fin dalla prima metà dell'800 e con numerose leggende che la riguardano. Ritenuta in passato un cratere vulcanico, è una cavità ad andamento verticale che si sviluppa inizialmente nelle rocce vulcaniche e successivamente nel calcare e che raggiunge la profondità di 63 metri, costituendo la più profonda grotta del comune.


Alcune grotte di Cossoine rivestono importanza per la fauna cavernicola, con presenza di particolari organismi, fra i quali citiamo per tutti la specie Patriziella nuragica, un rarissimo coleottero troglobio endemico, noto nel mondo esclusivamente a Sa Ucca è Mammuscone.
La valorizzazione delle grotte di Cossoine si rende oggi piuttosto necessaria, con la pubblicazione di uno studio conoscitivo, la creazione di una mostra che ne evidenzi le caratteristiche e con la realizzazione di un eventuale percorso di visite guidate in quelle più interessanti, escludendo comunque la possibilità di un vero e proprio sfruttamento turistico nel termine classico della parola.



Esporta: Icona file di testo Icona PDF Icona JSON

Condividi: