Calendario giornaliero rifiuti solido urbani
Calendario giornaliero  rifiuti solido urbani


Per il caledario consultare i documenti allegati.

Guida per una correta separazione dei rifiuti : 

1. CARTA: Prima di buttare la carta, il cartone o il cartoncino ricordati sempre di togliere punti metallici, nastri adesivi, cellophane e le “finestre” di plastica come quelle delle buste da lettera e di appiattire le scatole e comprimere gli scatoloni per facilitare il lavoro degli operatori della raccolta.
Cosa METTERE:
- Giornali, riviste, fumetti, depliant pubblicitari, sacchetti di carta per gli alimenti, per il pane, per la frutta, sacchetti di carta con maniglie e fogli di carta di ogni tipo e dimensione.
- Imballaggi in cartone ondulato, come quelli di apparecchi televisivi o elettrodomestici, contenitori per frutta e verdura.
- Tutte le confezioni e gli imballaggi in cartoncino come cartoni della pasta, del riso, dei cereali, tutte le fascette che avvolgono yogurt e succhi di frutta, le scatole delle scarpe, scatole dei detersivi, dei medicinali, cartone pizza se non unti, contenitori di latte, succhi di frutta, vino, panna (tetrapak) PULITI.
Cosa NON METTERE:
- Imballaggi con residui di cibo o terra perché generano cattivi odori, problemi igienici e contaminano la carta riciclabile.
- Fazzoletti e tovaglioli di carta usati.
- Scontrini e ricevute delle carte di credito perché sono fatti con carte termiche i cui componenti reagiscono al calore, creando problemi di riciclo.
- Carta da forno e carta oleata per esempio quella che contiene focacce, affettati e formaggi.
- Carta sporca di sostanze velenose, come vernici o solventi.
- Carta che è stata esposta all’acqua perché le sue fibre potrebbero essere state danneggiate.
 
 2. PLASTICA E LATTINE:
Cosa METTERE:
- Bottiglie (acqua, bibite, olio, succhi di frutta e latte) PULITI.
- Flaconi di detergenti per la casa e per la persona, detersivi e cosmetici.
- Imballaggi delle confezioni di carta igienica e asciugatutto da cucina e quelli utilizzati per raggruppare le bottiglie di acqua e bibite.
- Contenitori vari per alimenti per animali.
- Coperchi di plastica.
- Blister e contenitori rigidi e formati a sagoma (gusci delle pile, degli articoli di cancelleria e per il “fai da te” etc).
- Vaschette e confezioni in plastica trasparente per alimenti freschi come affettati formaggi, pasta fresca, frutta e verdura.
- Contenitori per yogurt, creme di formaggio, gelati e dessert.
- Vaschette di plastica porta-uova.
- Rete per frutta e verdura.
- Vaschette per alimenti (gelato etc. PULITI) e piccoli imballaggi in polistirolo.
- Buste per il confezionamento dei capi di abbigliamento come camicie, biancheria intima, calze e cravatte.
- Film d’imballaggio e film “a bolle” come quelli di elettrodomestici, mobili, confezioni regalo, articoli sportivi etc.
- Vasi per piante e fiori puliti
- Cassette per prodotti ortofrutticoli e alimentari
- Sacchetti e buste di plastica
- Polistirolo da imballaggio
- Bombolette spray per capelli alimenti o altro, buste nylon, carta alluminio PULITA, lattine in alluminio
- Scatole e contenitori in latta per alimenti e prodotti per l'igiene personale (tonno, pelati PULITI etc.)
- Tappi e coperchi metallici
- Carta stagnola e vaschette di alluminio
- Buste e sacchetti di patatine e surgelati
- Pellicole in alluminio
Cosa NON METTERE
- Giocattoli
- Piatti, bicchieri e posate in plastica usati
- Cartellette e portadocumenti
- Canne per irrigazione
- Grucce appendiabiti
- Videocassette
- Accessori per auto, bici e moto
- Imballaggi per colle, vernici, solventi e sacchi per materiale edile
- Piccoli elettrodomestici, articoli casalinghi e complementi d’arredo
- Oggetti in alluminio diversi dagli imballaggi
- Posate e piccoli oggetti metallici
- Imballaggi anche vuoti che hanno contenuto sostanze pericolose, vanno conferiti nei centri di raccolta dei rifiuti pericolosi.

 
 3. VETRO
Cosa METTERE
- Bottiglie di vetro di acqua, bibite, vino, latte e succhi di frutta etc.
- Vasetti di alimenti sott’olio, sott’aceti e confetture etc.
- Contenitori di vetro
- Bicchieri e vasi di vetro
Cosa NON METTERE
- Specchi
- Soprammobili
- Lampadine
- Tubi al neon
- Vetro in lastre come le finestre o i cristalli per autovetture
- Vetro pirex
- Occhiali
 
4. SECCO NON RICICLABILE: Nel bidone del secco non riciclabile bisogna mettere tutti i rifiuti NON pericolosi che NON possono essere messi nella raccolta differenziata.
Cosa METTERE:
Accendini, bicchieri in cristallo, calze donna in nylon, carta carbone, carta lucida da disegno, porcellana, carta plastificata, ceramiche varie, pennarelli indelebili ed assimilati, oggetti in plastica rigida o assimilati (giocattoli, baccinelle, sedie) oggetti in gomma, mollette bucato, lettiera chimica animali domestici, gomma da masticare, fotografie, radiografie, rasoi usa e getta, spazzolini denti, spazzole capelli, specchi, strisce di cuoio, tampone timbri, terracotta, tubetto dentifricio;
- Contenitori e sacchetti accoppiati per alimenti come il sacchetto del caffè, cialde (in plastica) caffè.
- Piatti bicchieri e posate di plastica sporchi
- Carta oleata o plastificata per affettati, formaggi e focacce
- Carta da forno
- Mozziconi di sigaretta e sigari
- Pannolini e assorbenti
- Lampadine
- Penne, pennarelli e biro
- Sacchi per aspirapolvere
- Giocattoli e soprammobili non in plastica
- Cd, musicassette, videocassette e custodie
- Oggetti, tubi e guanti in gomma
- Spugne sintetiche
- Spazzolini, collant, lamette, siringhe e rasoi
- Abiti e scarpe non riutilizzabili
- Cotton fioc e salviette per il trucco
Cosa NON METTERE
- Materiali riciclabili
- Rifiuti pericolosi come oli, pile e farmaci
- Beni durevoli
- Elettrodomestici in genere
- Calcinacci, sassi e materiali da demolizioni edili.
 
5. UMIDO
Cosa METTERE:
scarti di cucina, avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura, piccole ossa, alimenti avariati e scaduti, bastoncini in legno per gelati, ceneri spente del caminetto in modica quantità, fiori recisi, fondi di caffè e filtri di tè, fazzoletti e tovaglioli di carta non stampati, escrementi di animali domestici, lettiere naturali per animali domestici,biscotti, capelli derivanti da taglio casalingo, potaure alberi o arbusti, piante domestiche, pesce, noccioli, gusci d'uovo, residui da orto, sfalci di vario tipo, segatura, tappi in sughero, tovaglioli di carta unti o bagnati,
Cosa NON METTERE:
filtri dell’aspirapolvere, legno trattato con prodotti chimici, assorbenti e pannolini.